Per una scuola ecologica

Progetto didattico che vuole sensibilizzare gli alunni delle scuole superiori del territorio livornese sui temi dell’educazione ambientale rendondoli “attivi”

Confronti, discussioni, ma anche slogan, disegni e azioni pratiche realizzate dagli studenti dell’Istituto professionale C. Colombo (sono state coinvolte quattro classi), dell’Istituto tecnico navale Cappellini (con 4 classi), dell’istituto tecnico geometri Buontalenti (con 2 classi) e del Liceo scientifico Fermi di Cecina (con due classi).

2009svilupposostenibilescuola
Il progetto
è realizzato con il contributo dei volontari dell’Associazione Ecomondo e della Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno

Il progetto si divide in tre incontri:

  • “pensare globale”
    dove affrontiamo temi a livello mondiale: zaino ecologico, zaino sociale esviluppo sostenibile;
  • “agire locale”
    all’interno del quale cerchiamo di capire come rendere la nostra casa più sostenibile attraverso azioni pratiche
  • “agire per la scuola”
    dove gli stidenti indicano come poter rendere il loro istituto più sostenibile, creano dei volantini e si impegnano attivamente per un cambiamento reale.

Intorno a metà febbraio si svolgerà la premiazione della classe che è riuscita ad attuare un cambiamento.

Di seguito troverete alcuni degli slogan più riusciti.

2010slogancappelliniiicn1 2010slogancappelliniiicn2 2010slogancappelliniiicn3 2010slogancappelliniiid 2010slogancolomboiabu 2010slogancolomboiiabu 2010sloganfermiiihn1 2010sloganfermiiihn2 2010sloganfermiivbn1 2010sloganfermiivbn1r 2010sloganfermiivbn2 2010sloganfermiivbn3

Sviluppo Sostenibile per un’economia di Pace

Percorso didattico per le scuole superiori per affrontare i temi dello sviluppo sostenibile, sociale ed etico a livello globale

DESCRIZIONE DEL PROGETTO

FASE 1: PREPARAZIONE DEL GRUPPO CLASSE

– consegna all’insegnante di un Questionario da compilata in classe una settimana prima del primo incontro e da ricompilare dopo i primi due incontri. In questo modo è possibile quantificare quanti ragazzi hanno modificato le loro azioni orientandole alla “sostenibili”

FASE 2: INCONTRI IN AULA CON I FORMATORI (6 ore)

primo incontro in aula (2 ore) sul tema: PENSARE GLOBALE…
– il concetto di limite e di sostenibilità,
– le questioni climatiche ed il protocollo di Kyoto,
– la storia dei prodotti: lo zaino ecologico e lo zaino sociale.
Questi tre temi sono affrontati tramite un test che viene svolto in squadre.

secondo incontro in aula (2 ore) sul tema: …AGIRE LOCALE
– L’uso delle risorse ambientali e degli stili di vita,
– acqua ed energia,
– creazione di slogan per sensibilizzare.
I ragazzi scelgono le “azioni sostenibili” da svolgere in casa.

terzo incontro in aula (2 ore) sul tema: …LA SCUOLA SOSTENIBILE
– Rielaborazione dei temi precedentemente trattati.
Creazioni di alcune iniziative che i ragazzi potranno realmente attuare, nell’ambito della realtà scolastica.

FASE  3: VERIFICA

– rielaborazione dei questionari e valutazione dell’incidenza del nostro percorso.

I programmi completi verranno inviati alle scuole che vi aderiscono e lo inseriscono nel POF per l’a.s. 2009-2010.
I progetti sono condotti da formatori esperti e sono gratuiti.
Per aderire contatta Eco-Mondo inviando un fax al 0586 839538

PARTNERS

– Eco-Mondo
Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno

CALENDARIO

SETTEMBRE 2009
Raccolta adesioni delle classi

OTTOBRE 2009
Incontro degli esperti con gli insegnanti e preparazione delle classi che parteciperanno al progetto.

NOVEMBRE 2009
– 1º incontro in aula (2 ore)
– 2º incontro in aula (2 ore)

DICEMBRE 2009
– 3º incontro in aula (2 ore)

GENNAIO 2010
– verifica

Per informazioni rivolgersi al
Responsabile della Formazione
Associazione Eco-mondo
Via dell’Angiolo 16
57123 Livorno
Tel/fax 0586 839538

2008scuola

2007scuola

2006scuola

Impronte umane sulla terra

Impronte Umane Sulla Terra!
Alla Scoperta Dell’impronta Ecologica

DESCRIZIONE DEL PROGETTO
“Impronte umane sulla terra! Alla scoperta dell’impronta ecologica” è un progetto per rileggere il bilancio ecologico ribltando l’approccio tradizionale. Quanto territorio è necessario per reggere l’impronta ecologica di una determinata popolazione?

Il percorso si articola di 6 incontri ciascuno dei quali ha una durata pari a 2 ore. Essenzialmente sarà un lavoro di gruppo, verterà su spiegazioni alternate al gioco di squadra. Prevede al termine dell’intero ciclo un prodotto finale: una mini guida per classe e una per il convitto. Al termine dell’intero progetto accorperemo i lavori fatti nei singoli istituti per farne un’unica guida da distribuire a tutti i ragazzi/partecipanti e da presentare in occasione della Festa di primavera.

I INCONTRO: IL CONCETTO DI SVILUPPO SOSTENIBILE
– Presentazione del progetto e dell’associazione.
– Gioco della pallina per far presentare i ragazzi.
– Gioco del Vocabolario:i ragazzi verranno divisi in 5 gruppi, ogni gruppo sceglierà il suo nome, che manterrà per tutto il percorso. A ogni gruppo verranno sottoposti dei fogli dove dovranno scrivere il significato che secondo loro hanno le parole: SVILUPPO, SOSTENIBILE, SVILUPPO SOSTENIBILE. Ogni definizione verrà letta e votata dagli altri gruppi.
– Alla fine diremo se la definizione che ha avuto maggior voti è effettivamente quella giusta, da questo punto daremo il via alla riflessione.

II INCONTRO: VARI INDICATORI A CONFRONTO
– Lettura di un articolo di cronaca, ad esempio sulla TAV, per dare il via alla riflessione su come sia possibile decidere se un evento è positivo o meno, cioè la necessità di scegliere dei criteri, indicatori per dare una valutazione.
– Divisione in gruppi.

– Dovranno creare un indicatore, basato su dei criteri che decideranno loro, per valutare se l’evento è positivo o meno Ogni gruppo esporrà al resto della classe l’indicatore creato, dandoli un nome.

– Verrà data loro una scheda informativa su diversi indicatori economici, sociali, ambientali e giuridici (PIL, ISU, GPI, VIA, Impronta Ecologica) nella quali sono indicati altri 5 eventi che dovranno essere “misurati”, valutati sulla base del loro indicatore e dell’indicatore descritto nella scheda.
– Rielaborazione dei temi trattati, domande e discussioni.

III INCONTRO: INTRODUZIONE ALL’IMPRONTA ECOLOGICA
– Spiegazione a tutta la classe dell’Impronta ecologica (parleremo di come si calcola nello specifico)
– Andare in sala computer, connettersi al sito del wwf e calcolare l’impronta ecologica, divisi in gruppi di 2 o più a seconda di quanti pc sono disponibiliSe non fosse possibile faremo un impronta ecologica collettiva per il gruppo classe alla lavagna
– Ritorno in classe e delucidazioni sulle domande che sono state fatte al momento del calcolo. Spiegazione di alcuni marchi che vengono accennati nel percorso
– In gruppo i ragazzi dovranno inventare delle azioni, che non siano già state spiegate, per poter diminuire la propria impronta ecologica

IV INCONTRO: DEFICIT ECOLOGICO E DISAVANZO
– Spiegazione di deficit ecologico e disavanzo
– Gioco sul Deficit e sull’Avanzo ecologico di alcuni stati:
– Distribuzione della tabella/piano cartesiano dove l’ascissa sta ad indicare l’avanzo o deficit di capacità ecologica e la coordinata sta ad indicare la competitività dello stato.
– Distribuzione a ogni gruppo di 5 nazioni da collocare nelle apposite aree della tabella.
– A ogni collocazione giusta o comunque vicina alla realtà corrisponderà un certo punteggio.
– Dimostrazione della reale posizione dei vari stati.

Discussione, giudizi e valutazione: “Come si diventa Bulls e come Bears? Ci sono vari modi”.

– Spiegazione del ciclo dell’acqua e calcolo del consumo di acqua per ogni ragazzo.
– Gioco dell’”Isola dei famosi”:
o Divisione in gruppi/famiglie che dovranno gestire la risorsa Acqua, dividersela a seconda delle esigenze, rispettare la capacità di rigenerarsi, ecc.
o Debreffing

V INCONTRO: PRIMA FASE DI FORMAZIONE DELLE MINI GUIDA
– Breve riepilogo degli argomenti trattati
– Divisione in gruppi ( gli stessi formatesi durante l’intero percorso)
– Scelta e assegnazione dell’argomento da affrontare fra i cinque proposti ossia Sviluppo sostenibile, i vari indicatori, Impronta ecologica e calcolo; Deficit economico e disavanzo; presentazione generale della guida (ogni argomento costituirà un capitolo della “Mini guida”).
– Ogni gruppo sulla base di ciò che è stato appreso durante il percorso dovrà curare la parte assegnata attraverso la rielaborazione del materiale e delle riflessioni formatesi durante gli incontri.
– La guida non dovrà essere una semplice raccolta di materiale:i ragazzi dovranno creare disegni, fumetti, giochi con risposte multiple, fornire dati, figure ecc sull’argomento.

VI INCONTRO: SECONDA FASE DI FORMAZIONE DELLA MINI GUIDA
– Presentazione dei lavori: ogni gruppo esporrà il proprio elaborato
– Discussione, giudizi e valutazione di classe.
– Raccolta dei lavori, correzioni e formazione della mini guida
– Il prodotto finito (corretto, impaginato e rilegato) verrà distribuito ai ragazzi (una guida per classe).

CALENDARIO
ottobre 2007 – maggio 2008

PARTNERS
– Eco-Mondo
– Cesvot

2007improntescheda

Viaggio nel territorio

DESCRIZIONE DEL PROGETTO
“Viaggio nel Territorio” è un percorso di educazione ambientale per scuole elementari e medie. È un percorso che nasce dal confronto territoriale tra attori sociali differenti (scuole, associazioni, operatori, istituzioni locali, etc…). Un percorso di educazione ambientale sperimentale che è profondamente innovativo, in quanto si snoda lungo due direttrici principali:

– da un lato troviamo la linea di intervento Storia-Natura-Ambiente perchè tutto ciò che ci circonda non può prescindere dalla sua storia costruita dall’uomo.
– dall’altro l’intervento si colloca all’interno di una cornice concettuale centrata sul concetto di armonia, concretizzandola in tre ambiti fondamentali: individuale, sociale e ambientale.

“Viaggio nel Territorio” è quindi più di un semplice percorso di educazione ambientale, è un percorso di protagonismo giovanile, di partecipazione attiva e di educazione alla cittadinanza, rivolto agli alunni delle scuole elementari e medie, ed integrato con altri progetti sul territorio.

Un progetto il cui ambizioso obiettivo mira a fare dell’approccio ambientale uno strumento di consapevolezza maggiore e di partecipazione attiva destinato alla popolazione più giovane, su cui occorre investire per garantire un futuro di benessere sostenibile alle nostre comunità.

Il progetto nasce da un lavoro di confronto condotto sul territorio intorno alle tematiche ambientali. Un lavoro che a partire dalle queste tematiche si è esteso andando a identificare concetti di partecipazione al territorio e alla vita sociale, che a partire dall’ambiente, possono creare percorsi di presa di consapevolezza maggiore del ruolo di ciascuno all’interno del sistema sociale.

CALENDARIO
ottobre 2005 – maggio 2006

PARTNERS
Eco-Mondo
Cooperativa Viaggio Antico
Cesvot

2004etattiva1

2004etattiva2

2004etattivacal

2004etattiva3

2004etattiva4